Archivio per ‘Filt’ categoria

Livorno non deve morire: Metalmeccanici in sciopero. Sostegno dal mondo del lavoro.

29 ottobre 2014

fiomIn occasione dell’incontro al Ministero dello Sviluppo economico per discutere la vertenza Trw, domani mercoledì 29 ottobre è in programma  uno sciopero di 4 ore dei metalmeccanici livornesi (dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18) con un presidio di fronte allo stabilimento Trw. Inoltre si invita la città ad un gesto simbolico: abbassare le saracinesche dalle 11.30 alle 12 e dalle 16.30 alle 17. Anche i lavoratori dei trasporti della Filt Cgil e quelli del settore chimico della Filctem Cgil e del commercio Filcams Cgil sosterranno l’iniziativa. “Sosteniamo questa delicata vertenza” spiega Luciano Gabrielli segretario Fiom “Auspichiamo l’apertura di una vertenza Livorno dove poter discutere col Governo un accordo di programma che  possa rimettere al centro il Lavoro nel nostro territorio così duramente colpito dalla crisi”. Continua a leggere: Livorno non deve morire: Metalmeccanici in sciopero. Sostegno dal mondo del lavoro.

Filt Cgil: “In porto bisogna aumentare gli investimenti non la concorrenza”

21 agosto 2014

filtLa Filt Cgil all’indomani dell’annuncio dell’ingresso nel porto di Livorno di uno dei più grandi armatori, Msc, esprime le proprie preoccupazioni: “Seguiremo con particolare attenzione lo sviluppo della nuova ed importante partnership tra Lorenzini e Msc perché, come si è rivelato nel mondo dei Ro ro, dove sono presenti 4 aziende, la concorrenza tutta interna al porto sta producendo danni all’occupazione e alla stabilità dei posti di lavoro. La nostra attenzione sarà quindi rivolta al rispetto delle previsioni del Piano Regolatore Portuale e ovviamente alle ricadute occupazionali che dovessero conseguire in merito a tali dinamiche. Ciò che ancora non ci è chiaro è quali siano i programmi di sviluppo della Società Lorenzini rispetto all’ingresso di un importante armatore, con potenzialità enormi in termini di investimenti, tra gli operatori del nostro Porto. Gli strumenti di programmazione del Porto non prevedono frammentazione delle attività, e la comunità portuale conosce bene gli elementi che hanno causato e potrebbero causare un ulteriore impoverimento per il nostro sistema portuale. Ad oggi a Livorno esiste un solo terminal contenitori strutturato che occupa oltre 300 lavoratori diretti e che, come prevede il contratto nazionale, utilizza in modo corretto gli strumenti della discussione e della trattativa con le Organizzazioni Sindacali, anche in termini di contrattazione di secondo livello. Ciò che ci aspettiamo da questa operazione è quindi un aumento complessivo dei volumi di traffico con ricadute positive sui livelli occupazionali e in termini di investimenti che ci aspettiamo arrivino, in tandem con quelli pubblici, anche per l’ammodernamento del nostro Scalo. Continua a leggere: Filt Cgil: “In porto bisogna aumentare gli investimenti non la concorrenza”

Porto 2000. Cgil. “La cessione rappresenti un’opportunità”

2 agosto 2014

logo

Premesso che la somma di cause interne alla gestione della Livorno Porto 2000 ed esterne, dovute alla forte concorrenza del porto di La Spezia, hanno prodotto gli effetti depressivi di una progressiva perdita del traffico croceristi, siamo convinti che la rapida approvazione da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici del PRP e della immediatamente successiva adozione da parte del comune di Livorno della Variante anticipatrice del piano strutturale, siano elementi determinanti al rilancio di questo settore che consideriamo parte integrante dello sviluppo generale del nostro sistema portuale. Fare in fretta e bene è indispensabile. Ulteriori ritardi potrebbero causare perdite di quote di mercato, rischi per il lavoro e l’occupazione.

Come esposto nel Piano del Lavoro della CGIL siamo certi che le istituzioni pubbliche, tutte nessuna esclusa, possano e debbano svolgere un ruolo importante anche con interventi di sostegno finanziario per dare un impulso positivo ad una difficile crisi che ha impoverito il nostro paese e la nostra provincia. Il percorso già deliberato dal Comitato Portuale nel 2011, e non più rinviabile, obbliga l’Autorità Portuale di Livorno a scendere al di sotto del 50 % nelle quote di partecipazione della Livorno Porto 2000 srl; avevamo immaginato che le istituzioni potessero intervenire, soprattutto la Regione Toscana che negli ultimi anni ha fortemente investito nel porto di Livorno anche sostituendosi alle responsabilità del Governo nazionale. Successivamente i limiti imposti dai patti di stabilità, i tagli previsti dal governo hanno limitato fortemente le azioni e le disponibilità finanziarie della Regione Toscana, per non parlare del ruolo ormai solo rappresentativo della Provincia e della Camera di Commercio che dovrà confrontarsi con scelte pesanti di riassetto imposte dal Governo. Continua a leggere: Porto 2000. Cgil. “La cessione rappresenti un’opportunità”

Filt: Picchiottino ancora alla guida dei lavoratori dei trasporti

24 febbraio 2014

congresso filtClaudio Picchiottino è stato confermato con l’unanimità dei voti alla guida dei lavoratori dei trasporti Filt Cgil.

Picchiottino conclude il suo intervento: “Abbiamo gestito in questi anni innumerevoli crisi aziendali sottoscrivendo accordi difensivi a volte anche inventando soluzioni tampone fuori dagli schemi per la mancanza di strumenti di sostegno al reddito, abbiamo garantito ai lavoratori tutto il sostegno necessario. La Filt continuerà in questo impegno con la stessa passione!”

Programma del congresso Filt Cgil

Il porto si ferma per 24 ore: 100% di adesione a Livorno

8 novembre 2013

porto Il porto si ferma per 24 ore: 100% di adesione allo sciopero nazionale dei lavoratori portuali di Livorno per avere risposte sul mancato rinnovo del Ccnl. Continua a leggere: Il porto si ferma per 24 ore: 100% di adesione a Livorno

Filt Cgil “Basta con le accuse ai lavoratori del Ctt”

21 agosto 2013

filt traffico“Basta con le accuse ai lavoratori”: questo l’appello lanciato dalle segreterie provinciali Filt Cgil, Uiltrasporti, Ugl e Usb nei confronti del Presidente del CTT Nord Alfredo Fontana proprio all’ apertura della trattativa per il rinnovo del contratto di secondo livello, nel tentativo di indebolire l’azioni di lotta dei lavoratori di fronte alla prospettiva della decurtazione del salario. “Non ci risulta nessun tipo di situazione anomala riguardo le presenze sul lavoro. I dati riguardanti malattia ed infortuni in CTT sono perfettamente in linea con la media della categoria sul territorio nazionale, e per inciso si tratta di valori decisamente bassi, soprattutto in considerazione delle pessime condizioni di lavoro e dell’assoluto disinteresse dell’azienda verso qualsiasi forma di prevenzione sulla salute dei lavoratori: dalle condizioni di agibilità dei locali dell’officina, allo stato delle vetture (sospensioni, sedili di guida, climatizzazione, isolamento del conducente dai passeggeri, condizioni igieniche)” spiegano le organizzazioni sindacali. Continua a leggere: Filt Cgil “Basta con le accuse ai lavoratori del Ctt”

Sciopero di 4 ore del Trasporto Pubblico Locale.

12 luglio 2013

filt trafficoI lavoratori addetti al trasporto pubblico locale incroceranno le braccia per 4 ore domani, sabato 13 luglio. Dalle 17.20 alle 21,20 si fermeranno gli impiegati nel settore del movimento, biglietterie e addetti ai rifornimenti gli altri sciopereranno per 4 ore a fine turno per gli impianti fissi.

“Manifestiamo contro le situazioni inaccettabili create da un’azienda pubblica, Ctt, lasciata gestire dal privato” spiega Alessio Bernini per Filt Cgil “I lavoratori dicono basta: alla riduzione dei salari dei lavoratori per risanare un’azienda dove invece i dirigenti percepiscono stipendi d’oro, al peggioramento delle condizioni di lavoro, alla carenza cronica di autobus non idonei a svolgere un servizio affidabile, a tagli indiscriminati del servizio che colpiscono gli utenti più deboli, ad una classe politica che ha regalato la gestione del trasporto pubblico locale ai privati, alla gestione privatistica della ctt nord, che mira solo a ricavare profitti economici a discapito dei lavoratori”

Apre a Piombino uno sportello per i Lavoratori del Mare

13 maggio 2013

FILTApre a Piombino presso la sede CGil uno sportello rivolto ai lavoratori del mare, marittimi e portuali. Due addetti della segreteria regionale della Filt offriranno un servizio di orientamento e informazione ogni martedì e giovedì dalle 10.30.

“Cgil sempre dalla tua parte”:La trasmissione

9 aprile 2013

Immagine anteprima YouTube Continua a leggere: “Cgil sempre dalla tua parte”:La trasmissione

Sciopero di 48 ore del trasporto container: presidio all’Autosped

8 aprile 2013

foto sciopero autosped container livornoUno sciopero di 48 ore è in programma dalla mezzanotte di lunedì 8 aprile per il trasporto containers dei lavoratori delle aziende del gruppo Gavio. Questa mattina il presidio dei lavoratori dell’Autosped (via Sacco e Vanzetti a Stagno). La mobilitazione proseguirà fino alla mezzanotte di domani.  “Le motivazioni della mobilitazione sono da ricercare nella violazione palese del Ccnl da parte dell’azienda” commentano le segreterie Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti “ e nei gravi disagi subiti dai lavoratori del trasporto container che ad oggi non hanno alcun contratto aziendale di forfettizazione che consenta loro di conoscere la retribuzione certa rispetto alle proprie prestazioni”.